Un nuovo amico: Ugo Moriano, L’ultimo sogno longobardo, COEDIT edizioni

Emanuela Tralci, Ugo Moriano e Donatella Tralci

Venerdi 13 luglio 2013 abbiamo presentato  “L’ultimo sogno longobardo” , ed. COEDIT, di Ugo Moriano, vincitore del 61° Premio Selezione Bancarella 2013.

Ugo Moriano, impiegato amministrativo del comando dei Vigili del fuoco di Imperia, è approdato alla scrittura nel 2008, con “Il ricordo di può uccidere” (Fratelli Frilli editori); dotato di una scrittura scorrevole e di un innegabile talento nella creazione di trame appassionanti, Moriano si è subito ritagliato un posto di primo piano nell’editoria ligure.

Il romanzo che ha presentato è il  secondo episodio di una saga ambientata nell’Alto Medioevo, iniziata nel 2011 con “Arnisan il Longobardo” e che si concluderà nel  2015  con “Sangue longobardo”.

La saga vede come protagonisti gli ultimi discendenti della stirpe  longobarda scacciati dalle loro terre dai franchi di Carlo Magno; l’inizio è drammatico: nella battaglia di Pulchra Silva (oggi Mortara) l’esercito longobardo viene sconfitto, i sopravvissuti sono costretti all’esilio; durante la fuga Arnisan, Brunilde, Landari, i protagonisti del romanzo, sono costretti a separarsi. Solo dopo molteplici traversie troveranno rifugio in Liguria,  dove daranno vita al Ducato di Unelhia,  primo insediamento conosciuto della città di Oneglia.

La copertina del libro

Durante lo svolgimento della trama Moriano segue con partecipazione le vicende dei suoi personaggi dando vita ad episodi drammatici e movimentati dove Arnisan, Brunilde, Landari, per niente rassegnati al loro destino, lottano con tutte le loro forze per mettere in salvo ciò che rimane del loro regno.

Particolarmente affascinante la figura di Brunilde, duchessa di Aquitania che, rinchiusa nella fortezza di Noirmoutier, riesce a liberarsi e dopo essersi vendicata con ferocia dei suoi nemici, riprende la battaglia per riconquistare il ducato perduto.

Ricordiamo che con questo romanzo Ugo Moriano ha vinto il 61° Premio Selezione Bancarella, entrando così di diritto nella rosa dei sei finalisti del Premio Bancarella; interrogato su questa esperienza ha dichiarato: “Aver vinto il Premio selezione Bancarella mi ha dato e mi dà una grande soddisfazione. Questo riconoscimento mi è giunto assolutamente inaspettato e vivo con piacere questa bella esperienza. Mi sto impegnando al massimo per affrontare al meglio questi mesi cercando di farmi conoscere dai librai e dai lettori. Per questo risultato vorrei qui ringraziare la mia casa editrice e chi ha creduto nella mia opera.”

http://www.ugomoriano.it

 

 

Precedente Un ospite d'eccezione: Giulio Preti "L'albero delle giuggiole" Successivo “La Mondadori al Caffè Mondino. Apericena con l’autore”: Ugo Moriano, "L'ultimo sogno longobardo", ed. COEDIT