“Metti una sera all’Hotel Parigi…Incontri con l’Autore”… Lucia Morlino

Il 6 agosto 2014 si è svolto il terzo incontro della rassegna “Metti una sera all’Hotel Parigi…Incontri con l’Autore”. Protagonista della serata è Lucia Morlino che avevamo già conosciuto in libreria per la presentazione di “Tante vite, un solo amore”, ed. Alvorada.

Lucia Morlino, nata a Gravina di Puglia (Bari), all’età di 7 annni si trasferisce con la famiglia a Ventimiglia; dopo gli studi ha iniziato a lavorare nel campo dell’estetica e contemporanemente ha scoperto la passione per la scrittura
Ha scritto poesie, la sua poesia “Passato” nel 2012 si è classificata al secondo posto nel concorso internazionale di poesia “Regina Margherita”; romanzi, oltre a “Tante vite un solo amore” ha scritto “Io Lucia ho amato Ramses III, St

Emanuela Tralci, Lucia Morlino e Donatella Tralci

oria di una reincarnazione” (2009, Gruppo Albatros Il Filo) e “Viaggio di sola andata” (2012, Alvorada) ;” ha contribuito ad organizzare incontri di poesia.

La serata si è strutturata in t

re parti distinte

Nella prima abbiamo parlato di “L’amore infinito. Tante vite, un solo amore”, romanzo in parte autobiografico, composto da due storie che scorrono parallele: una ambientata ai giorni nostri dove, operando solo gli opportuni cambiamenti necessarie a rispettare la privacy di alcune persone descritte nella storia, ripercorre i fatti salienti della sua vita; decis

ivo l’incontro con un uomo che ricoprirà un ruolo importante nella vita di Lucia; malgrado gli alti e bassi che ogni relazione comporta, la loro passione continuerà fino alla morte di lui, avvenuta pochi anni fa.

La seconda vicenda invece è ambientata nel passato, al tempo degli antichi romani: è la storia di Licia, una giovane fanciulla che va in sposa ad un centurione al seguito di Giulio Cesare; nello scorre della storia il riconoscerà nei protagonisti principali le due persone di cui si parla nel presente: Lucia e il suo “solo amore”.

La seconda parte invece è consistita nella lettura di una selezione delle poesie di Lucia, con particolare riguardo a quelle che parlano dell’amore in tutte le sue sfacettature

La prima poesia che Lucia ha letto  è la trascrizione i versi di uno degli episodi più significativi della  sua vita, descritto anche nel libro: “L’amore Infinito” il primo incontro con Riccardo, il suo “solo amore”; Lucia è appena una giovane studentessa, conduce una vita normale, quando un giorno la normale routine scolastica Viene sconvolta dall’arrivo di un nuovo supplente, un giovane uomo attraente che dopo un breve periodo come insegnante entrerà prepotentemente nella vita di Lucia e, tra alti e bassi, vi rimarrà sovrano fino al termine della sua vita.

la poesia si intitola Riconoscimento

Era un giomo di Novembre,

Coi suoi primi freddi, quando inaspettato

giungesti nella seconda B.

Entrasti come un guerriero

pronto alla sua battaglia,

contro un nemico fatto di ragazzi.

Ero in fondo alla classe,

mi volasti dentro

come un vento improvviso – . ‘

che accelerò i miei battiti.

La mia anima senza permesso

volo alta nel cielo.

Seguii quei brevi pa


incisi nel mio tem
po essi

all’ improvviso compresi

eri tu da sempre.

Sprofondai nei tuoi occhi azzurri

pieni di tempesta.

Un attimo di eterno

Si impadroni della mia mente,

Sconvolse il

Lucia Morlino sulla copertina del suo libro “L’amore infinito. Tante vite un solo amore”

corso delle cose

E fermo il momento.

La serata si è conclusa con una meditazione guidata condotta dalla nostra ospite.

Precedente "Metti una sera all'Hotel Parigi...Incontri con l'Autore" Successivo “Metti una sera all’Hotel Parigi …Incontri con l’Autore” Fabrizio Carcano