Estate in giallo presenta Ugo Moriano “L’inganno del tempo”, Fratelli Frilli editori

Copertina del libro

Il 7 luglio 2014 ha preso il via una nuova rassegna letteraria intitolata “Estate in giallo”: una serie di incontri con alcuni fra i più bravi giallisti liguri.

La rassegna si è svolta presso l’hotel Parigi di Bordighera, situato sul lungomare Argentina, di proprietà della famiglia Sattanino;  l’incontro ha avuto luogo presso il corner Mondadori dove, nel corso dell’estate, sono stati organizzati incontri letterari e una mostra d’arte

Il primo ospite della rassegna è uno scrittore ligure che nel giro di pochi anni si è ritagliato un posto di primo piano nel mondo della carta stampata: Ugo Moriano; già noto ai clienti della libreria che hanno assistito alla presentazione di “L’ultimo sogno longobardo” (2012, Coedit editore), vincitore del 61* premio Selezione Bancarella 2013, e il fantasy “Il diamante di Kindanost” (2013, Coedit editore).

Il suo esordio letterario è avvenuto nel 2008 con “Il ricordo ti può uccidere” pubblicato dalla Fratelli Frilli editori di Genova.

Ugo Moriano e Emanuela Tralci durante la presentazione

Il libro protagonista del primo incontro si intitola “L’inganno del tempo. Enigmi in spiaggia a Imperia”  e si tratta di una frenetica corsa contro il tempo per salvare Giovanni Borvento, un giovane di buona famiglia che, vittima di un’atroce vendetta, è in pericolo di vita.

Protagonisti della vicenda sono ancora l’ispettore Angelo Ardoino e il Viceispettore Noemi Vassallo già comparsi in “A Sanremo si gioca sporco”; in questo nuovo capitolo delle loro indagini i due poliziotti condurranno indagini separate: mentre Angelo si gode un periodo di ferie in spiaggia con la compagna Elena, Noemi, per la prima volta dovrà occuparsi di un caso da sola.

Moriano, nella costruzione di questo romanzo ha dimostrato, per l’ennesima volta la sua bravura nel costruire una trama gialla: le vicende dei due protagonisti e l’agonia della vittima si alternano nella narrazione con ritmo serrato; il susseguirsi veloce dei capitoli unito alla scorrevolezza del stile tiene il lettore incollato alle pagine fino allo sconvolgente finale.

http://www.ugomoriano.it

 

Precedente “...sento che farò cose meravigliose” Successivo Maria Teresa Valle "La guaritrice", Fratelli Frilli editori