Danilo Balestra, “L’amore bruciato”, Atene edizioni

Mariarosa Gandolfo, Danilo Balestra ed Emanuela Tralci. Lettura di un brano del libro

Durante il quinto appuntamento, avvenuto il 13 febbraio 2014, de “La Mondadori al Mondino – Apericena con l’autore” abbiamo conosciuto lo scrittore Danilo Balestra che ci ha presentato il suo nuovo libro intitolato “L’amore bruciato” (Atene edizioni).

Il nostro autore è nato ad Imperia nel 1961, sposato ha una figlia; lavora a Pontedassio. Ha già dato alle stampe “Orfeo non ti voltare”, “Sanremo noir” e pubblicazioni in dialetto ligure contenute nell’antologia “Vuxe de Liguria” edita a cura del Comune di Pontedassio.

Il romanzo di cui abbiamo discusso durante la presentazione ha un’inizio particolarmente drammatico: una brutale ritorsione, compiuta da uno squadrone di soldati tedeschi, ai danni di una famiglia di contadini, colpevoli, ai loro occhi, di aver “ospitato dei banditi”, in realtà dei giovani partigiani, che hanno trascorso una notte nei loro fienili.

Questo fatto terribile marchierà in modo indelebile la vita dei protagonisti: quello di Angela, che in un attimo assiste all’umiliazione del padre e alla distruzione di tutto il suo mondo, ma anche quella di Renato, il ragazzo agli ordini dei soldati, che distrugge materialmente la vigna della famiglia contadina.

La copertina del libro

La parte centrale della storia si svolge a Sanremo negli anni Cinquanta, nel clima del dopoguerra diviso tra la paura lasciata dal conflitto mondiale e la speranza in un futuro migliore: particolarmente suggestive le descrizioni che Balestra ha fatto del clima di quegli anni, grazie ai numerosi dettagli,accuratamente inseriti nelle descrizioni, per ricreare lo spirito del tempo.

Ritroviamo Renato che ossessionato dal ricordo di Angela, dopo aver vissuto allo sbando per 5 anni, torna in Piemonte per scoprire che la ragazza si è trasferita in Riviera, a Sanremo, dove conduce una vita equivoca: decide quindi di recarsi li; il caso vuole che anche lui trovi un impiego nello stesso hotel dove lavora la giovane donna, ma i due sembrano sfiorarsi continuamente senza incontrarsi mai; Un giorno Renato incontra Angela ed inizia a seguirla ma l’incontro da lui tanto sognato non avrà l’esito da lui immaginato.

Lo svolgimento della presentazione è stato intervallato dalla lettura ad alta voce di alcuni, realizzati dall’attrice Mariarosa Gandolfo

http://www.ateneedizioni.net/sito/autori/lista-autori/39-danilo-balestra

 

 

Precedente Daniela Rossi, "Le ragazzone", Red@azione Ed. Successivo Diana Monaco, "L'ora del patè", SAGEP edizioni